Flussometri per controllo consumi motori diesel

Spazio per discutere delle problematiche e delle prestazioni dei motori marini. Responsabile Tecnico Antonio Sogliuzzo
Avatar utente
mikke
Moderatore
Messaggi: 4996
Iscritto il: 06 mar 2012, 09:33
Imbarcazione posseduta: Saver 690 cabin sport
Dove Navighiamo: alto Adriatico, Croazia.
Località: Porto buso
Contatta:

Re: Flussometri per controllo consumi motori diesel

Messaggio da mikke » 06 gen 2018, 19:43

Ninosan ha scritto:
06 gen 2018, 19:18
Pero' mi spaventa un po' portare la 12v sul flussometro :smt017 :smt017 :smt017
:shock Nino caschi a fagiolo, io ho questa nel vano di poppa,
a.JPG
E' un'elettrovalvola ed è alimentata a 12 volt serve ad interrompere il flusso di carburante.
Quando mi sono accorto che scaldava un pò mi è venuto un colpo. :Ola

Poi il meccanico mi ha tranquillizzato dicendomi che è normale che si scaldi un pò.

Quindi credo che sul flussometro se previsto credo non ci sia alcun problema :smt102
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

robik
Appassionato
Messaggi: 35
Iscritto il: 26 ago 2012, 11:11
Imbarcazione posseduta: Sas Vektor Adria 1002
Dove Navighiamo: Croazia

Re: Flussometri per controllo consumi motori diesel

Messaggio da robik » 08 gen 2018, 21:46

Ninosan ha scritto:
06 gen 2018, 19:18
Pero' mi spaventa un po' portare la 12v sul flussometro :smt017 :smt017 :smt017
Inoltre leggendo qualche vecchio post su altri siti (2015) sembra che funzioni via Bluetooth e non wifi. Nel mio caso non credo che riuscirei a prendere il segnale dal timone con la centralina montata in sala macchine.
Sempre secondo questo vecchio post, dopo ogni spegnimento perde i dati, quindi non conserva lo storico dei litri consumati.
Se tutto cio' e' vero non mi sembra una gran cosa.
Dal video sul sito sono riuscito a vedere marca e modello del misuratore e sono andato a verificarne i dati.
Si tratta di un misuratire a turbina con tensione di alimentazione che va da 5 a 24 V, quindi se i 12 V fanno paura, si può ricorrere ad una tensione inferiore.
A voler proprio essere pignoli, esistono "isolatori" a sicurezza intrinseca in grado di alimentare i dispositivi in area potenzialmente esplosiva mantenendola corrente nel circuito al di sotto dei valori di innesco (di esplosione)...ma questo è un altro discorso.

Il sensore costa 25€... avendo un po' di dimestichezza si potrebbe pensare di acquisire i segnali (mandata e ritorno) ed elaborarli con Arduino, per poi ritrasmetterli via NMEA alla strumentazione di bordo.
Sto dando un'occhiata e c'è tanta carne al fuoco sull'argomento.

A differenza della solenoide indicata sopra che resta energizzata a lungo, col flussimetro non dovrebbe esserci alcun aumento di temperatura dato che le potenze in gioco sono trascurabili.

Avatar utente
Ninosan
Moderatore
Messaggi: 756
Iscritto il: 11 lug 2016, 14:45
Imbarcazione posseduta: Bruno Abbate_Primatis G41 2 VP 350
Dove Navighiamo: Nord Adriatico

Re: Flussometri per controllo consumi motori diesel

Messaggio da Ninosan » 09 gen 2018, 21:22

:smt038 :smt038 :smt038
mi confermi che si tratta di un collegamento via Bluetooth? se e' cosi' avrebbe bassissima portata :)
Nino

robik
Appassionato
Messaggi: 35
Iscritto il: 26 ago 2012, 11:11
Imbarcazione posseduta: Sas Vektor Adria 1002
Dove Navighiamo: Croazia

Re: Flussometri per controllo consumi motori diesel

Messaggio da robik » 11 gen 2018, 20:55

Ninosan ha scritto::smt038 :smt038 :smt038
mi confermi che si tratta di un collegamento via Bluetooth? se e' cosi' avrebbe bassissima portata :)
Ho controllato anche sul manuale scaricabile dal sito e confermo che il collegamento è via Bluetooth.
Tra l'altro il cavo fra sensore e centralina non sembra lunghissimo (forse 1 mt).


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

andi
Appassionato
Messaggi: 374
Iscritto il: 23 ago 2008, 12:22
Imbarcazione posseduta: Carnevali 140
Dove Navighiamo: Adriatico centro e nord
Località: Mestre

Re: Flussometri per controllo consumi motori diesel

Messaggio da andi » 12 gen 2018, 10:11

Io sincermamente non vedo la primaria necessità di conoscere il consumo, cosa che per me è un fattore di cui si parla sempre nelle barche, ma trascurabile rispetto ai costi totali di gestione. L'importante è sapere indicativamente il consumo orario e avere un indicatore di carburante discretamente preciso, o magari un sistema "manuale" di controllo della quantità di carburante per non correre rischi di restare con troppo poco gasolio.
Andrea

Avatar utente
Openboat
Socio Fondatore
Messaggi: 14096
Iscritto il: 09 gen 2009, 21:47
Imbarcazione posseduta: Gobbi
Dove Navighiamo: Adriatico:tutto
Località: Rimini-Ravenna

Re: Flussometri per controllo consumi motori diesel

Messaggio da Openboat » 12 gen 2018, 14:04

andi ha scritto:Io sincermamente non vedo la primaria necessità di conoscere il consumo, cosa che per me è un fattore di cui si parla sempre nelle barche, ma trascurabile rispetto ai costi totali di gestione. L'importante è sapere indicativamente il consumo orario e avere un indicatore di carburante discretamente preciso, o magari un sistema "manuale" di controllo della quantità di carburante per non correre rischi di restare con troppo poco gasolio.
Come non quotare?
L'importante è fare bene i calcoli in caso di traversate e riservarsi un 30% di carburante per la sicurezza, poi 20 litri in più o in meno non dicono nulla...

Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk

God is my copilot

Avatar utente
mikke
Moderatore
Messaggi: 4996
Iscritto il: 06 mar 2012, 09:33
Imbarcazione posseduta: Saver 690 cabin sport
Dove Navighiamo: alto Adriatico, Croazia.
Località: Porto buso
Contatta:

Re: Flussometri per controllo consumi motori diesel

Messaggio da mikke » 12 gen 2018, 15:12

andi ha scritto:
12 gen 2018, 10:11
Io sincermamente non vedo la primaria necessità di conoscere il consumo, cosa che per me è un fattore di cui si parla sempre nelle barche, ma trascurabile rispetto ai costi totali di gestione. L'importante è sapere indicativamente il consumo orario e avere un indicatore di carburante discretamente preciso, o magari un sistema "manuale" di controllo della quantità di carburante per non correre rischi di restare con troppo poco gasolio.
Quoto anch`io pero` non lo rapporterei a un parametro da raffrontare coi costi di gestione. Piuttosto come un fattore di navigazione piu` sicura e tranquilla, mio personale parere.

porto ad esempio la mia breve esperienza, sulla precedente barca con fuoribordo 90CV avevo il classico indicatore analogico. Ora oltre al classico indicatore ho anche quello digitale che rileva il consumo direttamente dal motore.
Bene, conoscendo i consumi della mia barca i dati dei due strumenti li utilizzo piu` che altro come controllo del loro funzionamento.
Es. ( se il dato del motore mi da` un consumo di 100 litri, la lancetta sull`analogico deve trovarsi in una determinata posizione.
Non so` voi ma per brevi navigazioni mi e` piu comodo fare riferimento alla lancetta piuttosto che ricordarmi quanti litri ho fatto. Per le navigazioni durante le ferie adotto un`altra filosofia. ;)

Rispondi

Social Media

       

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti