Firma la Nostra Petizione per Riaprire Nautica e Diporto - Segui la Discussione sul Forum

Chiacchiere di banchina sulla manutenzione dei motori

La passione che ci accomuna.
Rispondi
       
Avatar utente
gladi
Appassionato
Messaggi: 99
Iscritto il: 15 feb 2019, 18:33
Imbarcazione posseduta: ferretti
Dove Navighiamo: adriatico

Chiacchiere di banchina sulla manutenzione dei motori

Messaggio da gladi »

Open, ai motori marini fa bene girare ma questo lo sai meglio di me. L'unico problema però che la navigazione non solo crea la dipendenza ma ti fa stare tutto l'inverno con l'ansia di tornare a navigare e quando hai la barca in cantiere stai come un anima in pena perchè vorresti che la lunga lista di lavori terminassero in un giorno solo.
Mia moglie sostiene che la barca, quasi al pari di mio figlio, mi fa diventare bambino.

Vorrei scappare in cantiere a vedere come procedono i lavori (4/5 giorni che non vado!!!!) ma con questo coronavirus non è prudenziale.

Quest'anno ho rimesso i motori a terra e tranne il monoblocco ho cambiato tutto con pezzi originali cat (turbine, pompe, iniettori, cannette nafta, valvole e tutte le molle delle valvole ed un casino di guarnizioni) e li ho fatti verniciare nuovamente, ho rifatto tutta la sala macchine (verniciatura sentina, impianto elettrico, isolamento termico ed acustico, caricabatteria nuovo, sostituite tutte le pompe di sentina con relativi interruttori automatici), ho rifatto gli interni tutti Poltrona Frau, ho verniciato la tuga con colori attuali ferretti, lo specchio di poppa ed il pozzetto, ho rifatto il teak con massello da 14mm, ho sostituito tutti legni, ho montato passerella idraulica, ho smontato tutto quello che non serviva o non usavo oppure obsoleto e sostituito con altro più leggero, ho rifatto la cuscineria esterna, ho aggiunto un tendalino a prua ed ho modificato quello di pocca con la chiusura con telo ombreggiante ai lati... in altri termini ho chiesto la cortesia a mia moglie di fare per una volta la scema e non capire quanto stessi spendendo. Ad oggi sembra che funzioni!!!!

In altri termini, non vedo l'ora che me la mettono in acqua.

Avatar utente
Openboat
Appassionato
Messaggi: 17372
Iscritto il: 09 gen 2009, 21:47
Imbarcazione posseduta: Gobbi
Dove Navighiamo: Adriatico:tutto
Località: Rimini-Ravenna

Re: Chiacchiere di banchina sulla manutenzione dei motori

Messaggio da Openboat »

Ti capisco...
Fino a una ventina di anni fa' non avevo tempo da dedicare alla barca e delegavo i cantieri x qualsiasi cosa.Da quando ho comprato la mia ultima barca ( sono appunto 20 anni che la mantengo) i cantieri non li ha piu' visti grazie ad G.S. marine service che si fa pagare i pezzi di ricambio scontati all'inverosimile e la mano d'opera e' gratis :shock , unica pecca: la G.S. marine service non si intende molto di elettronica e quindi mi tocca affidarmi a terzi. :smt102


G.S. marine service sono io ! :smt044
God is my copilot

Avatar utente
gladi
Appassionato
Messaggi: 99
Iscritto il: 15 feb 2019, 18:33
Imbarcazione posseduta: ferretti
Dove Navighiamo: adriatico

Re: Chiacchiere di banchina sulla manutenzione dei motori

Messaggio da gladi »

😂😂😂😂😂😂😂😂

Anche a me piacerebbe dedicarmi di più alla barca facendo del fai da te sia perché mi piace prendermi cura della barca e sia perché lavorando di testa, il lavoro fisico mi rilassa.

Purtroppo il lavoro ( che svolgo ahimè con molta passione) mi assorbe moltissimo tempo e quel poco tempo libero che mi rimane in inverno preferisco dedicarlo a mio figlio. Questo il motivo per cui faccio fare tutto al cantiere con il quale ho un ottimo rapporto di amicizia nato dopo che l’anno scorso si sono preoccupati di farmi tirare il peggio del mio carattere ( il mio motto: non faccio problemi di alcuna sorte ma i lavori devono essere fatti a regola d’arte).

Il rapporto di fiducia è importante anche perché faccio manutenzione di tipo aereonautico. Facendo minimo 200/250 ore di navigazione tutti gli anni, annualmente eseguo i tagliandi completi ai motori, ogni 2 anni cambio batterie anche se buone, quando un elemento ha fatto le sue ore lo cambio anche se funziona. Quest’anno ho revisionato i motori tranne il monoblocco perche’ lavoravano a quasi 90 gradi anziché ad 85. Purtroppo a mare il confine tra la felicità e l’essere imbestialito è molto labile se si verifica una avaria. Per questo motivo cerco di prevenirle. Se non c’è fiducia con il cantiere, si finisce col stare con gli arnesi in mano ogni weekend e a me questo non piace. Anzi mi fa imbestialire se considero gli importi delle fatture.

Avatar utente
MarkuzIII
Appassionato
Messaggi: 263
Iscritto il: 14 feb 2019, 16:47
Imbarcazione posseduta: Della Pasqua DC12S Fly
Dove Navighiamo: Adriatico Settentrionale

Re: Chiacchiere di banchina sulla manutenzione dei motori

Messaggio da MarkuzIII »

Se posso essere indiscreto... Tra acquisto barca, lavori 2019 (che ricordo consistenti) e lavori 2020 a che cifra sei arrivato o pensi di arrivare?
To sea or not to sea?

Avatar utente
gladi
Appassionato
Messaggi: 99
Iscritto il: 15 feb 2019, 18:33
Imbarcazione posseduta: ferretti
Dove Navighiamo: adriatico

Re: Chiacchiere di banchina sulla manutenzione dei motori

Messaggio da gladi »

Questa domanda mi fa un po’ male 😬😬😬

il teak e l’impianto elettrico me lo hanno fatto due miei clienti che lavorano per Ferretti e che non hanno voluto soldi. 42.500 barca, 26000 nel 2019 quest’anno invece 25.000 per i motori, 17.000 circa (verso costantemente acconti ma sto aggiungendo lavori), 7000 tapezzerie. Ripeto sono cifre provvisorie perché è tutto work in progress. Sto valutando di mettere elica di prua e di poppa ( solo per comodità) anche se non ho problemi di ormeggio e sto valutando di mettere tutta la strumentalizzazione di bordo di ultima generazione ( altri €10.000 circa). Intuisco che mi darai del pazzo ma avevo acquistato questa barca per farci una stagione e rivenderla ma in condizioni meteo marine proibitive mi ha molto sorpreso e me ne sono innamorato. A ciò si deve aggiungere che se tolgo questa salto a 50 piedi ( Maine 530 o sundeck yacht 550 o magellano 53) con conseguente esborso di denaro. In considerazione del fatto che esco solo io, mia moglie e mio figlio ( a fine settembre se tutto va bene ci sarà un altro figlio/a) e che a bordo mia moglie guarda mio figlio ed io devo fare tutto da solo ( lavo barca tutti i giorni con cura) il 50 piedi sarebbe risultato un lavoro in più con il conseguente enorme esborso di denaro. Per queste ragioni e per il fatto che alternative ai trawler predetti non mi piacevano, ho deciso di rimettermi a nuovo questa e tenerla altri 4/5 anni mentre la metto in vendita sperando che qualcuno esca pazzo come me. 😁🤪😉

Avatar utente
MarkuzIII
Appassionato
Messaggi: 263
Iscritto il: 14 feb 2019, 16:47
Imbarcazione posseduta: Della Pasqua DC12S Fly
Dove Navighiamo: Adriatico Settentrionale

Re: Chiacchiere di banchina sulla manutenzione dei motori

Messaggio da MarkuzIII »

Vado per gradi.

Stiamo parlando di 100k.... E se ci pensi ti ritrovi con un Signor Ferretti da 40" tirato a nuovo.... Non credo che con la stessa cifra trovi tanto, di tale fattura e nelle stesse condizioni.
Peccato che non ha il Fly :smt083

Sicuramente non hai badato a spese ma chi più spende meno spende.

Io metterei elica di prua e poppa così fai come ti pare, e tanto ormai ci sei....

Concordo sulle dimensioni/equipaggio/possibilità di manovra.

Purtroppo non troverai molta gente che apprezzerà. E nel momento della rivendita tirerai le somme. Però, mi ripeto, hai speso solo 100k e navighi sereno e tranquillo.

È una bella strategia. :smt023
To sea or not to sea?

Avatar utente
gladi
Appassionato
Messaggi: 99
Iscritto il: 15 feb 2019, 18:33
Imbarcazione posseduta: ferretti
Dove Navighiamo: adriatico

Re: Chiacchiere di banchina sulla manutenzione dei motori

Messaggio da gladi »

Con le barche secondo me non esiste una regola.

Ognuno di noi ha una lettura del mare che interpreta per mezzo della propria barca.

Ho avuto sempre barche abbastanza veloci, qualcuna anche over 50 nodi, ma ora con la famiglia voglio il confort. Il mio rodstar è solo un po’ basso ma ha degli ampi spazi. Se devo cambiare per spendere per un fly ( Ferretti 530 o azimut 50 o princess) 220/250 k che richiede comunque altri 20/30 k per navigare in sicurezza, preferisco attendere qualche anno che i bambini si facciano grandi e siano autonomi a bordo e che mia moglie mi possa tornare ad aiutare e passare al trawler ( magellano 53, sundeck yacht o altro di pregio ma con linea d’assi). Nell’attesa mi godo la mia amante meccanica ( questo per mia moglie è la barca per me)

Rispondi

Social Media